Ambulatorio di Medicina Riabilitativa

Dolore Cronico

dolore cronico

Soffrire di un dolore cronico è molto più che avere dolore da tanto tempo.

Se didatticamente viene definito tale il “dolore che si protrae oltre i tempi normali di guarigione di una lesione o di un’infiammazione, abitualmente 3-6 mesi, e che perdura per anni” , va invece sempre ricordato che il Dolore Cronico è una vera e propria patologia  per le conseguenze invalidanti che comporta per la persona che ne soffre, dal punto di vista fisico, psichico e socio-relazionale; esso infatti può compromettere le attività della vita quotidiana generando depressione, senso di sfiducia e malessere.

Può interessare tutte le fasce d’età con una maggiore prevalenza nelle donne ed è stato riconosciuto come una delle cause principali di consultazione medica.

Ma com’è possibile che il dolore si protragga per così tanto tempo?

Va chiarita subito una cosa. Il dolore cronico non è una versione prolungata del dolore acuto, bensì risponde a meccanismi differenti e molto più complessi che meritano di essere indagati con estrema attenzione.

Se normalmente il dolore è un segnale d’azione che il nostro sistema nervoso attiva tutte le volte che pensa sia il caso di proteggerci, nel dolore cronico, questo segnale può essere attivato anche in assenza di un reale pericolo. Potremmo vederla come una sorta di “iperprotezione” se non fosse che tutto questo comporta sofferenza , riduce la capacità di svolgere normali attività, modifica negativamente la qualità di vita.

Nell’affrontare questo tipo di patologie è molto importante avvalersi di un approccio interdisciplinare. Bisogna evitare di ridurre i sintomi a singoli disturbi e perdersi in un vortice di esami e visite spesso poco correlate o addirittura inutili, in quanto non mirate alla globalità del disturbo. Bisogna invece considerare questi disturbi nei loro molteplici fattori e aspetti, che sempre coinvolgono sia la sfera somatica che quella psicologica. Per questo è necessario rivolgersi a centri e strutture specializzate dove ci si possa avvalere di un lavoro di équipe, garantito dalla presenza di differenti e specifiche figure professionali, in grado di valutare tutte le svariate sfumature che la complessità di questi disturbi tende a generare.

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp

Articoli Correlati