Ambulatorio di Medicina Riabilitativa

Come gestire Ansia e Stress grazie alla Mindfulness

Come gestire ansia e stress con la Mindfulness
  • Ti è mai capitato di ritrovarti a rimuginare su un pensiero poco piacevole senza riuscire a distoglierne l’attenzione? 
  • O di accorgerti che alla prima difficoltà l’ansia prende il sopravvento impedendoti di vedere le soluzioni al tuo problema? 
  • Oppure ancora ,pensando ad un evento futuro, ti sei ritrovata ad aver paura che andrà nel peggior modo possibile? 

La fonte dell’Ansia e Stress: il rimuginio

A volte passiamo la maggior parte del nostro tempo a pensare al nostro passato, a quello che avremmo dovuto o potuto fare (rimuginio) o a preoccuparci per il nostro futuro, tanto da perderci una fetta molto importante della nostra esistenza: il momento presente. 

Questa attitudine tende a mantenerci in uno stato di ansia costante, preoccupati da quello che ci potrebbe succedere, i pensieri compaiono spontaneamente (e senza invito) nella nostra mente. 

Non pensare che questo capiti solo a te, in realtà queste attitudini sono molto comuni e sicuramente il periodo storico così impegnativo che abbiamo vissuto non è stato di aiuto a chi ha già di suo questa tendenza. 

La soluzione: Mindfulness e altre tecniche di rilassamento

La buona notizia è che esistono diverse tecniche e strumenti che possono aiutarti nel gestire questo tipo di stress. Uno di questi, forse il più noto, è la Mindfulness. 

Questa parola inglese significa “Consapevolezza” intesa come la capacità di coltivare una più piena presenza all’ esperienza del momento presente. 

La Mindfulness ci aiuta a capire che noi non siamo i nostri pensieri, ci insegna a pilotarli, a regolare la nostra attenzione modificando la nostra relazione con l’esperienza e alleviando la sofferenza. 

“Se non puoi fermare le onde, impara il surf” Jon Kabat-Zinn 

Attraverso la pratica risulta così più semplice gestire l’ansia e lo stress con benefici che si ripercuotono sull’intero funzionamento del nostro organismo. 

Stress e salute

Su questo aspetto infatti anche la medicina moderna ormai è d’accordo: lo stress si ripercuote in modo diretto sul nostro stato di salute e questo accade a causa delle connessioni che esistono tra la psiche e i principali sistemi di regolazione del nostro corpo: il sistema immunitario, il sistema endocrino, il sistema nervoso. 

Questo paradigma di interconnessione dei vari sistemi prende il nome di PNEI ovvero Psico Neuro Endocrino Immunologia. 

La PNEI studia proprio i sistemi dello stress e le sue ripercussioni sulla salute. Il sovraccarico allostatico (concetto introdotto dal Prof Mc Ewen) è la somma di tutti gli elementi stressanti cui siamo quotidianamente esposti e che minano la nostra salute. Non è il singolo elemento a essere dannoso, ma la sommatoria di questi elementi.  

Tra i vari  “elementi stressanti” , oltre allo stress psicologico vengono considerati inquinamento dell’ambiente, qualità dell’acqua, qualità e quantità del cibo, assunzione/abuso di alcool, qualità dell’aria, consumo eccessivo di farmaci e inquinamento acustico. 

Decidere di lavorare sul proprio stato di ansia o sul livello di stress da un punto di vista psicologico è utile per gestire la “finestra di tolleranza” del nostro organismo e può essere il primo step verso un percorso di consapevolezza e di crescita personale. 


  • Passi le giornate a rimurginare sul tuo passato e questo ti provoca Stress?
  • Ti fai bloccare dall’Ansia per quello che potrebbe accadere e così finisci per lasciar perdere?
  • Vorresti liberarti di questo mindset tossico ed iniziare finalmente a vivere con più serenità le tue giornate?

Il centro medico fisioterapico QiFisio in collaborazione con la dott.ssa Anna Citterio di Equilibrio Equipe Psicologica organizza quattro incontri a tema per educarti a gestire Ansia e Stress grazie alla Mindfulness e altre tecniche di rilassamento

Condividi:

Articoli Correlati

il Dolore Femoro-Rotuleo: sintomi e rimedi

Il Dolore Femoro-Rotuleo: sintomi e rimedi

Il dolore femoro-rotuleo del ginocchio è una problematica molto comune, soprattutto per chi pratica sport (primo infortunio per i runner), colpisce maggiormente il sesso femminile