Ambulatorio di Medicina Riabilitativa

Terapia del Dolore e Cure palliative

Terapia del dolore e Cure Palliative

Le cure palliative e la terapia del dolore sono due concetti molto diversi tra loro ma spesso vengono erroneamente assimilati.

Proprio per specificare la differenza tra cure palliative e terapia del dolore, il 15 marzo 2010 è stata approvata la Legge 38 .

Oltre a delineare una netta differenziazione tra i due termini, questa legge ha permesso una vera e propria rivoluzione nella gestione del dolore, andando a coinvolgere tutti i livelli assistenziali e diverse professioni sanitarie. Per la prima volta inoltre sono state introdotte delle linee guida per l’accesso ai medicinali usati per la terapia del dolore a conferma del diritto della persona malata a ricevere assistenza e cure finalizzate al miglioramento della qualità di vita, nel rispetto della sua dignità. 

Il termine “palliativo” deriva dal latino “pallium” che significa “mantello, protezione” e si utilizza per identificare la cura globale e multidisciplinare di pazienti affetti da malattie per i quali un percorso di guarigione non è più possibile. 

Le cure palliative comprendono quindi tutti quegli interventi assistenziali destinati a rispondere a bisogni fisici, psicologici e spirituali del malato e della sua famiglia, nell’ottica di un approccio globale e attivo in cui il paziente è al centro del piano di assistenza.

Ridurre la sofferenza del paziente e del suo nucleo familiare è l’obiettivo primario.

La terapia del dolore invece è una disciplina della medicina che si occupa della diagnosi e del trattamento del paziente affetto da sintomatologia dolorosa acuta e cronica, benigna o neoplastica. 

E’ “l’insieme degli interventi diagnostici e terapeutici volti a individuare e applicare alle forme morbose croniche idonee e appropriate terapie farmacologiche, chirurgiche, strumentali, psicologiche e riabilitative, tra loro variamente integrate, allo scopo di elaborare idonei percorsi diagnostico-terapeutici per la soppressione e il controllo del dolore”.

La terapia del dolore viene coinvolta nei percorsi di cure palliative per la gestione del dolore e degli altri sintomi: questo è fondamentale per garantire al malato la massima qualità di vita nel tempo che resta e accompagnarlo verso una morte dignitosa. 

Le cure palliative sono quindi uno degli ambiti in cui il terapista del dolore può operare ma non è l’unico.

Il TDL si occupa infatti di tutte le forme di dolore e in particolar modo di tutti quei dolori cronici che riducono la qualità di vita delle persone.

La terapia del dolore è la specialità medica in cui il termine curare riacquista il suo significato più vero:  prendersi cura della persona e farsi carico del suo dolore.

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp

Articoli Correlati